Cittadella Calcio e Sirmax,

un concentrato di energia in continuo in movimento.

Cittadella Calcio e Sirmax,un concentrato di energia in continuo in movimento.

 

Confrontarsi a viso aperto con i migliori. Correre e in corsa cambiare, trovando le soluzioni più efficaci per far fronte alla realtà. Ripartire con tenacia, se qualcosa non va come atteso, imparando dagli errori, facendo leva in maniera dinamica sul capitale d’esperienza acquisito, affrontando ogni nuova sfida come fosse l’unica. Per ritrovarsi in vetta, tra le grandi. È lo spirito del Cittadella Calcio, è lo spirito di Sirmax. È lo spirito con cui Sirmax ha scelto il Cittadella, da Main Sponsor, come la squadra capace di rendere visibili su un campo da calcio i propri valori.

Ti raccontiamo una storia di cuore, che si basa sull’impegno e sul coraggio. Ti raccontiamo la storia di Sirmax, vi raccontiamo la storia di una squadra vincente.

 

Il “Citta”, vittoria limpida e indiscutibile a Trapani (0-3). Ora si può sognare la serie A.

 

Solido, reattivo, maturo. Come lo sponsor, pronto a reagire subito e a trasformare le inattese batture d’arresto in esperienze da cui trarre motivazioni per reagire. Sabato scorso il Cittadella Calcio ha messo a segno la vittoria fuori casa più convincente del campionato: un tre a zero contro il Trapani. I goal sono stati segnati da Proia, Diaw e Pavan. Il successo riporta i Granata in zona play-off, per ora quinti, ma a sole due lunghezze dal Pordenone, secondo in classifica. Insomma, i giochi sono di nuovo aperti per la promozione diretta in serie A. Forza ragazzi, Sirmax è con voi!

www.ascittadella.it

 

 

E come il Cittadella Calcio sbanca il Trapani, così Sirmax stupisce Wolfsburg.

 

Davanti a circa 200 ingegneri e alla “crema” dei competitors blasonati di serie A presenti al Volkswagen Tech day del 29 e 30 gennaio - incontro organizzato a Wolfsburg dalla casa tedesca con i suoi fornitori di materie prime -, Sirmax è risultata l’azienda più innovativa e sorprendente.

Oltre ad aver presentato le ultime novità in termini di investimenti e sviluppo multi-country & multi-product, i nostri manager hanno svelato Smart Mold, lo spin-off a cui Sirmax ha dato vita assieme all’Università di Padova. Smart Mold si occupa di engineering come strumento di supporto al cliente Sirmax e in occasione del VW Tech-day ha parlato di soluzioni innovative per lo stampaggio ad iniezione con l’utilizzo di tecnopolimeri provenienti dal riciclo post-consumo. Una novità che ha colpito i presenti, un successo che deriva dalla qualità del nostro lavoro. Facciamo crescere i talenti, sul campo come in azienda. Crediamo nei giovani, crediamo nelle loro idee, non abbiamo paura di affrontare i grandi player mondiali.

 

Plastica? Sì, grazie, purché sostenibile. L’economia circolare, tra mission e vision.

 

Come già saprai, Sirmax è entrata in modo deciso nell’economia circolare. Vogliamo essere sostenibili, pur producendo plastica, materia di cui il mondo non può fare a meno. Cosa significa per noi essere sostenibile? Fare plastica bio-compostabile, offrire ai nostri clienti la possibilità di produrre “green”. Di fronte ai colossi del settore, mettiamo in campo il coraggio di rischiare in nuovi progetti e investiamo molto. Con la stessa logica con cui il Cittadella Calcio, in questa campagna acquisti invernale, si è assicurato i nuovi attaccanti Stanco e Ogunseye. Anche per queste similitudini ci sentiamo vicini ai valori della nostra squadra del cuore!

Siamo sostenibili anche perché abbiamo investito nel riciclato. Ma, attenzione: ricicliamo plastica da post-consumo con un valore aggiunto. Il nostro riciclato diventa un polimero con contenuti tecnici e scientifici che lo rendono di prima scelta.

 

Ciò in cui crediamo: imprese con responsabilità sociale.

 

C’è un profondo cambiamento in corso nel modo di interpretare il ruolo delle imprese. Ne discutono già da qualche mese le più grandi aziende mondiali. Un’impresa non deve solo produrre profitti: al centro ci deve essere anche la «responsabilità sociale».

I consumatori premiano le imprese eticamente responsabili, che hanno come scopo l’arricchire la vita dei propri dipendenti, dei consumatori, dei fornitori e delle comunità, servendo gli azionisti in modo etico e rispettando l’ambiente. Valori come il rispetto delle persone, l’attaccamento alla comunità e quindi al territorio, la fiducia, tornano con forza sulla scena, spesso a sopperire alle mancanze di un welfare state troppo debole. Ci piace ricordare il nostro profondo attaccamento al territorio, non solo quello italiano, ma anche quello attorno al quale operano le nostre comunità lavorative. Come il Cittadella Calcio, riconoscente alla propria terra, sostenuto da una comunità fedele e, per questo capace di rigenerarsi, di ritrovare stimoli e ripartire.

Il dibattito è in corso!

https://www.corriere.it/esteri/19_agosto_19/svolta-eticadel-capitalismo-f41e9ff8-c2b5-11e9-97ef-35a2edd578d1.shtml