Sostenere il territorio
per sostenere la crescita.

Innovare non è solo sinonimo di investimento tecnologico e finanziario: per sostenere lo sviluppo di soluzioni che cambino concretamente il modo di fare business e favoriscano integrazione e produttività, servono punti di riferimento sul territorio e una conoscenza del tessuto socio-culturale in cui inserirsi. 
 
Sirmax conta sulla presenza di tredici impianti dislocati in quattro continenti, ciascuno pensato all’integrazione con le comunità locali, alla loro crescita economica, professionale e umana e, al contempo, alla contaminazione culturale tra le persone. 
 

Ogni impianto è stato pensato in modo identico, dotato di asset di produzione e laboratorio in sovrapposizione con gli altri stabilimenti e integrato in una rete globale per garantire flessibilità e qualità nelle attività di produzione.  

Le scelte aziendali si sviluppano attraverso una organizzazione capace di garantire un elevato trend qualitativo in tutti i processi.  

 

Le conoscenze organizzative e produttive di Sirmax si traducono oggi in una accresciuta consapevolezza delle esigenze del mercato in materia di circular economy, affiancata alle produzioni di tecnopolimeri, per garantire eccellenza qualitativa del lavoro e del prodotto in ogni realtà del gruppo. 
 
La capacità di Sirmax di cogliere e interpretare i segnali del mercato si concretizza nella scelta di essere multi-country e multi-product, da tempo intrapresa con successo e destinata a intensificarsi nei prossimi anni.  Sei impianti produttivi in Italia, due in  Polonia, due in Indiana (USA), uno in  Brasile  e due in India, rappresentano il network tecnologico che l’azienda ha consolidato sul mercato, ma il futuro soffia verso la Cina, il Messico e il Medio Oriente.